18 marzo 2016

18 marzo 2016 Posted by: Category: Enada No comments

psm-stacchini

Il prodotto sul quale puntiamo particolarmente in occasione della nostra partecipazione a questa edizione di Enada è l’hardware G640s perché è una piattaforma nuova su cui crediamo molto sia in termini di affidabilità che di usabilità e diffusione all’interno del mercato.

Lorenzo Stacchini, Chief Technology Officer di Psm Gaming ci presenta così i prodotti promossi in occasione di Enada Primavera che si sta svolgendo in questi giorni a Rimini.

“E’ una piattaforma aperta – continua Stacchini – che proponiamo a tutto il mercato sia dei produttori di apparecchi che di contenuti.

L’abbiamo lanciata l’anno scorso e abbiamo passato circa un anno di test in campo con i nostri software e i primi partner che hanno iniziato a muoversi con questo hardware, abbiamo superato la fase di startup tecnica del prodotto quindi – a questo punto -, è un prodotto appena lanciato ma allo stesso tempo anche abbastanza maturo da poter affrontare la mass production. Va sottolineato che è un hardwarecompletamente progettato in Italia, con un controllo diretto su tutta la filiera di fornitori, sul processo di produzione, e sull’assistenza post vendita: questo ci garantisce il controllo sul prodotto, la sua affidabilità, la disponibilità del prodotto e di tutte le sue componenti nel tempo per i prossimi 6/7 anni.

G640s è stata progettata per elevate prestazioni sia di elaborazione che grafiche, con GPU integrata Intel® HD Graphics 4000 con supporto hardware per OpenGL 4.0 e H.264.  Una soluzione pensata con l’obiettivo di coniugare alte performance e affidabilità, proiettandosi alle sfide dei futuri scenari che si apriranno nel mercato gaming.

Ci siamo resi conto nel tempo che l’hardware è importante soprattutto dove c’è bisogno di creare una rete di collaborazione tra vari fornitori di contenuti che utilizzano una piattaforma comune: la nostra vision è proprio questa, utilizzare un hardware attraverso una piattaforma aperta a tutti i creatori di contenuti dove le varie software house possano inserirsi e utilizzarla come meglio credono.

La nostra azienda – tiene a precisare l’ingegnere – appartiene al Gruppo Seco, il quale si occupa di automotive, di embedded, di elettromedicale, fitness e anche gaming e all’interno di questo contesto tutte le scelte tecniche sull’hardware vengono fatte anche per avere una longevità di prodotto e per noi è normale scegliere componenti industriali affidabili e reperibili nel tempo, così come facciamo per tutti gli altri settori dei quali Seco storicamente si occupa. Questo spiega la nostra solidità sia in termini tecnici che come struttura aziendale.

Schede nuove per PSM Gaming: “Abbiamo – ci spiega Stacchini – nuove schede, di derivazione Inspired quali la Pharaoh’s Golden Treasure, Goddess Of The Amazon e La Regina Delle Nevi, presentata quest’anno; abbiamo nostri software originali quali AthensLuxury e la Black Pearl e infine la Moto GP.

psmschede

SECO/PSM è un gruppo toscano che occupa circa 250 dipendenti. E’ una azienda attiva da oltre 35 anni e ben consolidata in diversi mercati e opera sia in Italia che all’estero. Il gruppo ha sempre creduto nel mantenimento in house della sua attività produttiva, cogliendone i vantaggi competitivi e le opportunità che in un settore a così alto contenuto tecnologico costituiscono un patrimonio unico ed inscindibile soprattutto per quanto concerne la progettazione e la realizzazione stessa dei diversi prodotti.

SECO/PSM hanno così costruito il proprio vantaggio competitivo scegliendo di controllare l’intero processo di realizzazione delle soluzioni embedded, dalla creazione del concept alla progettazione dell’hardware e software e delle parti meccaniche, fino all’ingegnerizzazione ed al collaudo, offrendo sempre ai clienti prodotti all’avanguardia e di alta qualità.

fonte: PressGiochi.it